Codice Kemler

Immagine decorativa

Vi siete mai chiesti quale è il significato dei numeri che si trovano sui cartelli dei veicoli che trasportano liquido infiammabile (come i classici camion con le cisterne di benzina)?

I numeri che compaiono sulle tabelle non hanno significati misteriosi, ma una logica ben semplice e precisa. Essi si riferiscono ad una tabella di color arancio chiamato Codice Internazionale KEMLER.

Nella parte inferiore della tabella compare un numero a quattro cifre che evidenzia la sostanza trasportata; nella parte superiore compare quello che è detto "il numero KEMLER".
Il numero KEMLER evidenzia la pericolosità della materia.

La prima cifra indica il pericolo principale:

2 Gas
3 Materia liquida infiammabile
4 Materia solida infiammabile
5 Materia comburente o perossido organico
6 Materia tossica
7 Materia radioattiva
8 Materia corrosiva

Esempio: Benzina
La seconda e terza cifra indica i pericoli secondari

0 Nessun significato
1 Esplosione
2 Emissione di Gas
3 Infiammabilità
5 Proprietà comburenti
6 Tossicità
8 Corrosività
9 Reazione violenta per decomposizione spontanea o polimerizzazione.

Quando le due cifre sono uguali, ciò sta ad indicare un aumento del pericolo principale; quando la seconda e la terza cifra sono uguali è per indicare un aumento del pericolo secondario. Così 33 indica un liquido altamente infiammabile (punto di infiammabilità inferiore a 21° C ), 66 una materia che presenta un grandissimo rischio di intossicazione, 88 una materia molto corrosiva,se la combinazione delle due cifre è 22, tale numero indica un gas fortemente refrigerato, 42 un solido che può emettere gas a contatto con l'acqua, 333 è riferito a un liquido spontaneamente infiammabile. Quando il numero KEMLER è preceduto dalla X è per indicare il divieto assoluto di contatto della materia con l'acqua.

Veicolo incendiato

IN CASO DI VEICOLO INCIDENTATO

  • Non avvicinarsi
  • Allontanare i curiosi
  • Portarsi, rispetto al carro o alla cisterna, sopravvento
  • Non fumare
  • Non provocare fiamme, né scintille
  • Non toccare l'eventuale prodotto fuoriuscito
  • Non portare alla bocca mani o oggetti "contaminati"
  • Non camminare nelle pozze del prodotto liquido disperso
  • Contattare subito il 115 (Vigili del Fuoco)

Tabella numero O.N.U.

Tabella numero O.N.U.

N. Descrizione N. Descrizione
1001 acetilene 1223 kerosene
1005 ammoniaca anidra 1230 alcool metilico
1011 butano 1267 petrolio
1016 ossido di carbonio 1268 olio lubrificanti motori
1017 cloro 1381 fosforo
1027 ciclopropano 1402 carburo di calcio
1028 freon 12 1428 sodio
1038 etilene 1547 anilina
1040 ossido di etilene 1613 acido cianidrico
1045 fluoro 1654 nicotina
1049 idrogeno 1680 cianuro potassio
1050 acido cloridrico 1710 trielina
1053 acido solfidrico 1779 acido formico
1072 ossigeno 1791 ipoclorito di sodio
1075 gpl 1805 acido fosforico
1076 fosgene 1823 soda caustica
1079 anidride solforosa 1869 magnesio
1089 acetaldeide 1888 cloroformio
1090 acetone 1971 metano
1114 benzolo 2015 acqua ossigenata
1134 clorobenzene 2209 formaldeide
1170 alcool etilico 2304 naftalina
1202 gasolio 2761 ddt
1203 benzina 9109 solfato di rame

Altri simboli

Etichette di pericolo

Sono la rappresentazione grafica della pericolosità, più facilmente identificabile rispetto ad una serie di cifre. Ad una stessa merce, e quindi ad uno stesso numero ONU, possono essere associate diverse etichette di pericolo. Ad esempio: al numero ONU (o UN) 1098 sono associate le etichette di pericolo n. 6.1 e 3 (rispettivamente, etichetta bianca con teschio e tibie incrociate nella parte alta ed il numero 6 sul vertice basso, ed etichetta rossa con fiamma nella parte alta ed il numero 3 sul vertice basso).

Immagine decorativa