Impianti elettrici

Immagine decorativa

Ormai l'elettricità è indispensabile nella vita di tutti i giorni, in casa e non. Ci siamo ancora chiesti quanto è importante?

Durante un temporale o dei lavori in corso, sicuramente ti è ancora capitato di rimanere momentaneamente senza l'elettricità. E' allora che ci si rende conto della sua importanza: niente partita alla TV, rimani senza lavatrice e senza frigorifero, non puoi più usare il PC neanche per leggere queste pagine, ecc.. Ci siamo quindi abituati a tutti i confort che l'energia elettrica ci consente (abbiamo in casa un' infinità di prese, spine, interruttori, fili elettrici, riduttori, elettrodomestici, luci, prolunghe, ecc). La corrente elettrica però non sì vede, ma quando si sente (scossa ) spesso, è troppo tardi. E' necessario realizzare l'impianto elettrico a norme di sicurezza ed evitare manomissioni e riparazioni "fai da te". Non collegare molte spine elettriche ad una stessa presa di corrente sovraccaricandola.

L'impianto elettrico deve essere installato secondo le norme CEI (Comitato Elettronico Italiano). L'installazione deve essere effettuata da personale qualificato che dovrà rilasciare una Dichiarazione di Conformità alle norme dell' impianto realizzato. L'impianto deve essere dotato di interruttori di Sicurezza (magnetotermico e differenziale). In bagno non bisogna usare elettrodomestici (asciugacapelli, rasoi, ecc..) senza indossare calzature con suola in gomma ed in prossimità della vasca da bagno (pericolo di folgorazione). Evitare l'utilizzo di prese multiple (si sovraccarica l'impianto danneggiandolo). Non alimentare contemporaneamente più apparecchi con una sola presa: ciò può provocare un forte riscaldamento dei cavi elettrici della presa stessa con pericolo di incendi e di deterioramento dell'impianto. Non apportare modifiche all'impianto elettrico senza ricorrere a personale tecnico qualificato. Assicurarsi della corretta chiusura del frigorifero (la non corretta chiusura provoca il continuo avvio del motore elettrico che si surriscalda). L'antenna della TV in alcuni casi può comportarsi da parafulmine. E' consigliabile, specialmente per chi abita in dimore isolate, durante violenti temporali, di spegnere il televisore staccando la spina della corrente e quella di collegamento con l'antenna. Dovendolo fare utilizzare idonei "adattatori per prese multiple", disponibili in commercio, facendo sempre attenzione a non sovraccaricare eccessivamente la linea elettrica. Particolare attenzione dovrà essere posta nel collegare all'interno di mobili d'arredamento televisori, video registratori ecc, che devono essere discostati sui lati, in alto e sul retro almeno di 10 cm. Isolare il panello posteriore del mobile sarebbe una buona cosa, spegnere comunque il televisore alla fine dell'utilizzo traendo dell'apposito interruttore anziché del telecomando.

Se si usa una "prolunga" normalmente avvolta nella sua custodia, questa deve essere sempre interamente estratta dal contenitore: così facendo si evitano surriscaldamenti e possibili principi d'incendio, dovuti all'eccessivo carico elettrico che il cavo deve sostenere in caso che si utilizzino apparecchi di grosso consumo (Ferro da stiro, Forno, stufa elettrica, saldatrice, ecc.).

L'interruttore differenziale, o "salvavita", è uno strumento posto all'inizio dell'impianto elettrico di un'abitazione ed interviene automaticamente, interrompendo la corrente elettrica dall'impianto, quando si verificano delle dispersioni dell'impianto stesso che possono essere causate da apparecchiature elettriche difettose o dal contatto accidentale del corpo umano con un elemento in tensione. Ogni apparecchio deve essere collegato a terra con una spina a tre spinotti, di cui solo quello centrale è collegato a terra. Allo scopo di distinguere chiaramente il conduttore di terra da quelli in tensione, il rivestimento isolante del cavo deve essere di colore giallo-verde.

Elettricità

L'elettricità è una proprietà fondamentale della materia, che si manifesta con fenomeni di attrazione o di repulsione tra corpi dotati di carica elettrica. A livello microscopico tali fenomeni sono riconducibili alle particelle cariche dell'atomo: i protoni nel nucleo, spesso interessati da soli fenomeni stazionari, e gli elettroni che, avendo maggiore mobilità, danno luogo anche a correnti. Più in generale, è l'insieme dei fenomeni fisico-chimici causati dalle dette interazioni.

Insieme al magnetismo, costituisce l'interazione fondamentale detta elettromagnetismo. L'elettricità è responsabile di ben noti fenomeni fisici, come il fulmine, il campo elettrico e la corrente elettrica (con cui è comunemente confusa) e rappresenta l'elemento essenziale di alcune applicazioni industriali come l'elettronica e la potenza elettrica. L'elettricità è diventata il migliore "servitore" dell'uomo e il simbolo del mondo moderno. Illumina le abitazioni, fa funzionare le fabbriche e rende vicini i popoli più lontani. Ha contribuito a rivelare i segreti delle stelle, degli atomi e della vita stessa.

La corrente elettrica è un qualsiasi flusso di carica elettrica, tipicamente attraverso un filo metallico o qualche altro materiale conduttore. La corrente convenzionale venne definita inizialmente, nella storia dell'elettricità, come il flusso di carica positiva, anche se sappiamo, nel caso della conduzione metallica, che la corrente è causata dal flusso di elettroni con carica negativa nella direzione opposta. Nonostante ciò, l'originale definizione di corrente convenzionale resta valida. Il simbolo normalmente usato per la quantità di corrente (la quantità di carica che scorre nell'unità di tempo) è I, e l'unità di misura nel SI della corrente elettrica è l'ampere. La corrente elettrica viene anche chiamata informalmente amperaggio, per analogia con il termine voltaggio.

Nei conduttori metallici, come i cavi elettrici, la corrente è causata da un flusso di elettroni (particelle a carica negativa), ma non è così nella maggior parte dei conduttori non metallici. La corrente elettrica negli elettroliti è data dal flusso di atomi e/o molecole elettricamente cariche (ioni), che possono essere sia negativi che positivi. Ad esempio, una cella elettrochimica può essere costruita con acqua salata (una soluzione di cloruro di sodio) su un lato della membrana, ed acqua pura dall'altra parte. La membrana fa passare gli ioni di sodio con carica positiva, ma non quelli di cloro con carica negativa, il risultato netto è una corrente. Le correnti elettriche nel plasma, sono flussi di elettroni, così come di ioni positivi e negativi. Nell'acqua ghiacciata e in alcuni solidi elettrolitici, la corrente è costituita da un flusso di protoni.

Schema riassuntivo degli effetti della corrente:

  • 1-3 mA SOGLIA DI PERCEZIONE Non si hanno rischi o pericoli per la salute.
  • 3-10 mA ELETTRIFICAZIONE Produce una sensazione di formicolio più o meno forte e può provocare movimenti riflessi. 
  • 10 mA TETANIZZAZIONE Si hanno contrazioni muscolari. Se la parte in tensione è stata afferrata con la mano si può avere paralisi dei muscoli, rendendo difficile il distacco. 
  • 25 mA DIFFICOLTÀ RESPIRATORIE Si hanno a causa della contrazione di muscoli addetti alla respirazione e del passaggio di corrente per i centri nervosi che sovrintendono alla funzione respiratoria. 
  • 25-30 mA ASFISSIA La tetanizzazione dei muscoli della respirazione può essere tale da provocare la morte per asfissia. 
  • 60-75 mA FIBRILLAZIONE Se la corrente attraversa il cuore può alterarne il regolare funzionamento, provocando una contrazione irregolare e disordinata delle fibre cardiache che può portare alla morte.

Elettrodomestici

Regole di comportamento

Immagine decorativa

Forse le conosci già e allora basterà ricordarle, oppure potresti insegnarle a chi non le conosce. L'importante è compiere questi gesti ogni giorno nel modo giusto. SEMPRE E OVUNQUE.

- Bisogna sempre staccare l'interruttore generale prima di eseguire qualsiasi intervento sull'impianto o sugli apparecchi elettrici.
 - Quando si vuole pulire o riparare un elettrodomestico bisogna staccarlo dall'impianto elettrico estraendo la spina. Staccare sempre la spina prima di pulire un' aspirapolvere, prima di asciugare un frigorifero dopo lo sbrinamento, prima di sostituire un tubo di una lavatrice che perde, ecc..
 - Bisogna avere molta cautela nell'uso dei ferro da stiro. Si deve togliere la spina dei ferro a vapore prima di riempirlo con l'acqua, controllare che il cavo elettrico sia in buone condizioni ed evitare che entri in contatto con la parte calda dei ferro, inoltre non si stira mai con piedi e mani bagnate.
 - Quando si usano apparecchi elettrici nei locali da bagno o in altri locali umidi l'attenzione deve essere almeno raddoppiata: l'acqua e l'umidità aumentano i pericoli legati all'elettricità; quindi, quando usate l'asciugacapelli, rasoi ecc, o altri piccoli elettrodomestici è indispensabile che mani e piedi siano ben asciutti e questi ultimi isolati con una scarpa isolante, ciabatte di gomma ecc., non a contatto diretto con il pavimento.
 - Bisogna limitare al minimo l'uso di riduttori e spine multiple prestando, in ogni caso, la dovuta attenzione.
 - Alimentare contemporaneamente più apparecchi con una sola presa può provocare un forte riscaldamento dei cavi elettrici della presa stessa con pericolo di incendi e di deterioramento dell'impianto. È opportuno quindi evitare l'uso di riduttori e spine multiple facendo installare un numero adeguato di prese in ciascuna stanza. Queste prese dovranno essere del tipo a norma con i fori protetti contro l'introduzione di oggetti che non siano spine.

Immagine decorativa

- Nell'estrarre la spina dalla presa non tirare con forza il cavo: si rischia di staccare il cavo stesso dalla spina o addirittura di staccare la presa dal muro, con il conseguente pericolo che i fili si tocchino e generino un corto circuito.

- Precauzioni in presenza di bambini: evitiamo di lasciare elettrodomestici e componenti elettriche in tensione alla loro portata ed eventuali giochi elettrici devono essere alimentati a tensione molto bassa (es. 12 Volt), mediante trasformatori di sicurezza. Non si deve permettere ai bambini l'uso di elettrodomestici se non hanno prima dimostrato di conoscerne l'uso corretto ed il pericolo che possono rappresentare.

Elettrodomestici.
 Ecco alcuni consigli per riconoscere gli apparecchi elettrici sicuri tra i tanti presenti in commercio. Basterà prendere confidenza con i simboli e gli elementi che ne accertano le caratteristiche di sicurezza.

Immagine decorativa

È il simbolo dell' I.M.Q., l'istituto dei Marchio di Qualità, che si trova non solo sui materiali elettrici, ma anche su quelli a gas, ed attesta che quel determinato prodotto ha superato tutta una serie di controlli finalizzati alla verifica della sua qualità e sicurezza. Attenzione: la marchiatura, differentemente da quanto avviene in altri paesi, non è obbligatoria, quindi è nostra responsabilità verificare che questo importante requisito di qualità e sicurezza sia presente nell'oggetto che stiamo acquistando.