Ti trovi in:

Home » Aree tematiche » La gestione dei rifiuti » Materiali conferibili e regole di civiltà

Materiali conferibili e regole di civiltà

Immagine decorativa

Qui si può trovare l'elenco dei materiali che si possono differenziare.

Materiali conferibili e regole di civiltà.

NON ABBANDONARE I RIFIUTI! Abbandonare i rifiuti è illegale, provoca danni all'ambiente, degrado nonché costi aggiuntivi per recuperare i rifiuti abbandonati o per bonificare le discariche abusive.

NON BRUCIARE I RIFIUTI! Bruciare i rifiuti nuoce gravemente alla salute tua e di chi sta vicino (tumori! diossina!). Bruciare i rifiuti nelle stufe provoca anche inquinamento atmosferico. Questa pratica è illegale e penalmente sanzionata dalle autorità.

NON LASCIARE I RIFIUTI ALL'ESTERNO DEI CASSONETTI O DELLE CAMPANE! Lasciare i rifiuti all'esterno delle campane, dei sistemi seminterrati o dei cassonetti assegnati è assolutamente vietato e sanzionato oltre ad essere un comportamento incivile.

NON buttare nel WC olii esausti, preservativi, lettiere per gatti, resti di cibo, cerotti, bastoncini per le orecchie, medicinali o altro perché danneggia la depurazione delle acque, intasa le attrezzature ed inquina le acque.

DIFFERENZIA I RIFIUTI! Differenziare correttamente i rifiuti è un obbligo di legge.

NON buttare rifiuti che si possono differenziare nel secco non riciclabile / residuo.

NON buttare il rifiuto secco non riciclabile / residuo nei contenitori per la raccolta differenziata.

Conferisci correttamente il RIFIUTO UMIDO ORGANICO negli appositi contenitori.

 

COSA VA CONFERITO NELLA PLASTICA?

Molto spesso ci si chiede quali tipi di plastica possano essere raccolti presso le isole ecologiche (dove presenti) e presso i Centri di Raccolta Materiali comunali C.R.M. La confusione viene spesso generata dalla composizione stessa dei materiali; purtroppo non tutta la plastica può essere conferita ma solo gli imballaggi per i quali il produttore, all’origine, ha versato una cauzione che viene poi in parte recuperata e concorre alla diminuzione dei costi di gestione del servizio di raccolta.

Allora come si riconosce un imballaggio in plastica? Viene definito tale qualsiasi manufatto in plastica che all’origine (momento dell’acquisto del prodotto) imballa una merce alimentare e non alimentare. Mediamente gli imballaggi in plastica conferiti presso i Centri di Raccolta sfortunatamente contengono il 20% di rifiuto; la percentuale sale ad oltre il 35% di scarto se si analizzano gli imballaggi in plastica conferiti nelle isole ecologiche stradali. Queste percentuali vanno a diminuire i ricavi della cessione del materiale ed alzare i costi dovuti per la gestione degli scarti di lavorazione.