Ti trovi in:

Home » Aree tematiche » Servizi Scolastici » Mense scolastiche

Mense scolastiche

Immagine decorativa

Il Comun General gestisce in base all'art. 72 della L.P. 5/2006 i "punti mensa" delle Scuole Primarie di Canazei, di Moena, di Pozza di Fassa e di Vigo di Fassa, delle Scuole Secondarie di I° grado di Campitello di Fassa, di Sèn Jan di Fassa e di Moena e quello dei Licei di Sèn Jan di Fassa.

MOENA

Il servizio è riservato agli alunni della locale Scuola primaria nei 4 giorni settimanali in cui sono previste attività scolastiche pomeridiane. Il lunedì, il martedì e il giovedì il servizio è attivo anche per gli alunni della Scuola Secondaria di I° grado.
Nel 2017 sono stati distribuiti 8.064 pasti per la Primaria e 3.518 pasti per la Secondaria di I° grado per una spesa totale di oltre 72.000 Euro. La frequenza media giornaliera alla mensa è stata di 88 alunni per 131 giorni di servizio.
Nella cucina di Moena vengono preparati anche i pasti "trasportati" per gli studenti dei Licei e della S.S. di Pozza di Fassa.

CANAZEI

Il servizio è destinato agli alunni della locale Scuola Primaria nei 4 giorni settimanali in cui sono previste attività scolastiche pomeridiane (lunedì, martedì, giovedì e venerdì).
Fino al mese di ottobre 2017 la mensa di Canazei ha ospitato il martedì e il giovedì anche un gruppo di alunni "trasportati" della Scuola Secondaria di I° grado di Campitello di Fassa. Il numero dei pasti erogati nel 2017 per gli alunni della Primaria è stato di 11.491 con una frequenza media giornaliera di 96 utenti in 131 giorni di servizio.
La spesa complessiva sostenuta dal C.g.F. è stata di € 65.131,00.

SEN JAN DI FASSA

La mensa è riservata agli studenti dei Licei Artistico, Scientifico e Ladino delle Lingue ed è attiva per il pasto di mezzogiorno dal lunedì al venerdì. Il martedì e il giovedì il servizio è attivo anche per una trentina di alunni della Scuola Secondaria di I° grado di Sèn Jan di Fassa che non dispongono del servizio di "doppio trasporto".
La spesa complessiva sostenuta nel 2017 dal C.g.F. è stata di € 69.776,95 per gli studenti dei Licei e di € 12.634,65 per gli alunni della Secondaria di I° grado. Le presenze totali registrate alla fine dell'anno sono state 9.626 per i Licei e 1.743 per la Secondaria di I° grado con una media giornaliera complessiva di 67 pasti per 170 giorni di servizio.

POZZA DI FASSA - PRIMARIA

Il servizio è riservato agli alunni della locale Scuola primaria nei 2 giorni settimanali di martedì e giovedì in cui sono previste attività scolastiche pomeridiane obbligatorie.
In 69 giorni di servizio sono stati distribuiti 5.295 pasti con una media di 77 pasti al giorno. La spesa complessiva è stata di € 40.677,59 per tutto l'anno 2017.

VIGO DI FASSA

Il servizio è riservato agli alunni della locale Scuola primaria nei 2 giorni settimanali di martedì e giovedì in cui sono previste attività scolastiche pomeridiane obbligatorie.
In 67 giorni di servizio sono stati distribuiti 2.751 pasti con una media giornaliera di 41 pasti; la spesa sostenuta dal Comun general è stata di € 21.167,87 per tutto l'anno 2017.

CAMPITELLO DI FASSA

Dal 1° novembre 2017, nei giorni di lunedì, martedì e giovedì in cui sono previste attività scolastiche pomeridiane, è attivo anche il nuovo "punto mensa" della S.S. di I° grado di Campitello di Fassa.
In 74 giorni di servizio sono stati distribuiti complessivamente 1.847 pasti con una media giornaliera di 25 pasti; la spesa sostenuta dal Comun general è stata di € 10.468,80.

La nuova struttura viene ora utilizzata anche per la produzione dei "pasti trasportati" per le Scuole Primarie di Pozza e di Vigo di Fassa che non dispongono di centri di cottura autonomi.

Per fornire tutti questi servizi, sempre nel 2017 il Comun general ha speso circa € 20.700 per l'acquisto di stoviglie e di accessori, per il riscaldamento dei locali, per l'energia elettrica e per manutenzioni varie. I Comuni di Fassa si sono fatti carico di una parte di queste spese rimborsando al Comun general una somma totale di 4.400 Euro.
Gli incassi derivanti dalle quote a carico delle famiglie sono stati invece pari a 149.500 Euro circa. Il resto della spesa è stato coperto con gli stanziamenti ordinari della Provincia in materia di "diritto allo studio".