Menu di navigazione

Guida alla Val di Fassa

Canazei

La Marmolada e il cambiamento climatico

La Marmolada si eleva maestosa e solitaria al centro della regione dolomitica, dominando le altre cime come una regina. Sono tante le caratteristiche che la rendono speciale. Qui si trova Punta Penìa, la vetta più alta delle Dolomiti (3.343 m.) e qui nasce l’Avisio (90 km), il fiume che attraversa le valli di Fassa, di Fiemme e di Cembra prima di immettersi nell’Adige.

È un luogo di forti contrasti. Il versante sud, una delle pareti più spettacolari e impegnative dell’arco alpino, precipita verticale per quasi 1.000 metri. Il versante nord ospita invece il più esteso ghiacciaio delle Dolomiti: circa 200 ettari per 30 milioni di metri cubi d’acqua, intrappolati in una calotta di ghiaccio che può raggiungere l’altezza di un palazzo di 15 piani! Eppure, nell’arco degli ultimi trent’anni il suo fronte si è ritirato di 300 metri, con un ritmo di 10 metri l’anno ed una velocità circa 10 volte superiore a quella del trentennio precedente. Ben più in fretta che in qualsiasi altro luogo del Trentino!

Per questo lo splendente mantello della Regina Bianca è diventato un simbolo della fragilità degli ecosistemi montani di fronte al cambiamento climatico che interessa tutto il pianeta ed un richiamo alla responsabilità di gestire questa trasformazione.

-