Ti trovi in:

Menu di navigazione

Guida alla Val di Fassa

Schuhplatter de Ciampedel

di Giovedì, 28 Aprile 2016 - Ultima modifica: Martedì, 12 Luglio 2016

ita-IT Italiano lad-IT Ladin

Località
Campitello
Fax
0462 750232
Referente
Filippo Favè
Ruolo del referente
Presidente
Scheda

Schuhplattler” è una parola tedesca che indica uno stile particolare di ballo. Letteralmente tradotta significa: “battitore di scarpe” (Schuh = scarpa; Plattler = battitore). Tale nome deriva dal fatto che durante i balli si battono le mani sulle gambe e sulle suole delle scarpe.

Il repertorio del nostro gruppo consta di 10 balli, che vengono eseguiti a tempo di musica (ci accompagna un fisarmonicista), per un totale di 45 minuti circa di spettacolo. Una breve presentazione li introduce e ne spiega brevemente il significato ed i movimenti.

Oltre ai ballerini (attulamente 15) ci sono alcune ragazze nel tipico costume ladino che costituiscono una bella cornice e che intervengono anche direttamente in alcuni balli.

Il gruppo folkloristico “Schuhplattler” nasce a Campitello di Fassa probabilmente nei primi anni del dopoguerra.

Si racconta che un certo Franz di Fiè allo Sciliar (un paesino ai piedi dell’Alpe di Siusi) sia arrivato a Campitello per motivi di lavoro. Dopo aver fatto amicizia con i giovani del paese, ha insegnato loro le prime mosse dei balli dello Schuhplattler; così si arriva ad una prima esibizione di Schuhplattler a Campitello . Da quell’anno il gruppo si è sciolto e poi riformato varie volte.

La formazione attuale nasce nell’autunno del 1979 per iniziativa dell’allora parroco di Campitello, don Tito Vecchietti, che cerca i componenti del precedente gruppo (sciolto alla fine degli anni sessanta) e raduna un nutrito gruppo di giovani e ragazzi del paese desiderosi di riprendere in mano questa tradizione. Nella primavera del 1980, nel giorno della sagra, ricompare a Campitello il gruppo “Schuhplattler”.