Menu di navigazione

Mapa de Fascia

Moena

I prati e la biodiversità

Nessun'altra coltivazione agricola ha una funzione ambientale paragonabile a quella dei prati e dei pascoli di montagna. Grazie alle radici fitte e ben sviluppate, i prati mantengono efficiente il ciclo idrologico, proteggono il suolo dall'erosione ed hanno un ruolo fondamentale per la conservazione della biodiversità. Sono numerose, infatti, le specie vegetali anche rare che si sviluppano solo negli spazi aperti delle praterie e si propagano grazie agli sfalci.

In Val di Fassa i prati e i pascoli costituiscono più di un terzo del territorio coltivato (il resto sono boschi) e corrispondono all’intera superficie agricola utilizzata. Sono senza dubbio la componente essenziale del paesaggio culturale fassano: occupano ogni superficie utile su pendenze quasi impraticabili e rappresentano l’emblema del presidio del territorio alle quote più elevate. L’immagine dei lunghi campi da coltivo - oggi prati da sfalcio - che si susseguono a formare un unico, cangiante, nastro verde costituisce un simbolo identificativo di Fassa e, secondo alcuni studiosi, è all’origine del nome stesso della valle: Fassa, da fascia = ‘fascia, campo di forma allungata’.